Via dell’asilo 2, San Vincenzo, Livorno • +39.0565.70.54.57 • info@santa-cecilia.it

Residenza Santa Cecilia

La Costa degli Etruschi è uno dei pochi posti in Italia ad avere ancora tanti chilometri di spiagge libere e sicure grazie alla presenza dei bagnini di salvataggio.

A San Vincenzo ci sono tante spiagge libere e diversi stabilimenti balneari: la Conchiglia, la Perla del Mare e il Bagno Venere.

A sud  di San Vincenzo c’è il Parco di Rimigliano, a nord una lunga spiaggia libera fino a Donoratico. Il Parco di Rimigliano è formato da otto chilometri di macchia mediterranea che costeggia la lunga spiaggia di sabbia, per una corsa nel verde o un riposino all’ombra: all’ingresso n. 4 c’è il bar «Lago Verde».

Potete andare sulla spiaggia con il vostro amico a 4 zampe. Da giugno a settembre vi consigliamo la Dog Beach (all’inizio del Parco di Rimigliano) e anche qui potete scegliere tra lo stabilimento balneare o la spiaggia libera. È l’ideale per fare il bagno e giocare con il vostro cane. Negli altri tratti di spiaggia può scendere con voi, ma non è libero di muoversi.

Piombino – Riotorto

Al Parco della Sterpaia la sabbia è quasi bianca, ci sono tanti stabilimenti balneari (uno fra tutti Bagnosckiuma) ma anche tanti tratti di spiaggia libera e, nascosto nella macchia mediterranea, il Nano Verde.

Golfo di Baratti

È un luogo incantato per godersi il tramonto (al Bagno Baratti non perdetevi lo Zenzito).

Cala Violina

A circa 40 chilometri da San Vincenzo, è una delle spiagge più belle della Maremma. Chiamata così perché la sabbia «suona» come un violino quando ci si cammina. In estate è molto affollata e per trovare parcheggio è meglio alzarsi presto. Per raggiungere la spiaggia bisogna fare una bella camminata sul sentiero che passa nel bosco ed è percorribile anche con il passeggino, così il tuo bambino può riposarsi!

Storia, natura e trekking

Il Parco Archeominerario di San Silvestro

Il Parco Archeominerario di San Silvestro a Campiglia Marittima vi trasporta in un mondo magico, passando dalle miniere con un trenino giallo fino a raggiugere a piedi la Rocca di San Silvestro dell’anno mille, avvolti dai profumi della macchia mediterranea. Lo spettacolo finale di questa escursione è una vista straordinaria su tutto l’arcipelago toscano, dall’isola del Giglio alla Gorgona.

Populonia

Nel Golfo di Baratti c’è l’unica città etrusca che si affaccia sul mare. Dalla necropoli si sale fino a Populonia con i resti dell’acropoli etrusca e romana. Non perdetevi le botteghe artigiane tra cui “il pellaio” che crea sandali fatti a mano e la vista dalla torre medievale! Dal parcheggio del Reciso, per i più avventurosi, attraverso un percorso nel bosco si arriva alla Buca delle fate, una caletta incontaminata dove tutto diventa magia! Si può accedere a questo angolo di costa anche via barca sia per un bagno nel blu (Ormeggio Baratti) che per un’immersione alla scoperta delle bellezze subacquee (Marenea Diving).

L’oasi WWF di Orti-Bottagone

Nel Parco della Sterpaia c’è l’oasi WWF di Orti-Bottagone, una camminata nella riserva naturale alla scoperta delle oltre 203 specie censite: fenicotteri, aironi, falchi, istrici e donnole e se volete sapere le altre, visitatela!

I borghi medievali e la Strada del Vino

Bolgheri

Ci si arriva percorrendo i 5 chilometri del famoso Viale dei Cipressi del Carducci, qui tanti piccoli ristoranti, enoteche, botteghe artigiane. Tra i più famosi l’Enoteca Tognoni per una degustazione oppure sulla strada del Vino l’Osteria Magona e l’Osteria Caccia al piano per una cena a tutta «ciccia»!

Castagneto Carducci

È un piccolo borgo medievale sulla collina alle spalle di Donoratico. Perfetto per un aperitivo o una cena vista mare. Da non perdere i peperoncini di «Peperita» famosi in tutto il mondo! Al Cappellaccio per una pizza extra large oppure al Vecchio Frantoio per una cena con vista.

Campiglia Marittima

Oltre al caratteristico centro storico, visitate la Rocca, antico maniero che domina dall’alto la valle. Ad Agosto, Campiglia diventa un luogo ancora più magico, con Apriti Borgo tutto il paese si trasforma in un palcoscenico all’aria aperta con giocolieri, mangiafuoco, balletti, musica, spettacoli di magia, fate e folletti.

Suvereto

Tanti i ristoranti e le botteghe artigiane tra cui Diego Daddi che lavora il cuoio. E poi tante sagre: a Novembre e Dicembre la sagra del Cinghiale, grande la festa ad ogni capodanno con «Calici di Stelle», a Settembre il paese si trasforma in un parco giochi del passato. Nella campagna circostante, al Giardino dei semplici coltivano piante officinali e aromatiche e producono tisane, liquori, sciroppi. Tra i ristoranti vi ricordiamo «i’ Ciocio» e «Dal Cacini».

Piombino

Il suo centro storico e le spiagge meritano una visita. Da piazza Bovio nei giorni limpidi vi sembrerà di toccare l’isola d’Elba e nel centro storico c’è il museo Archeologico degli Etruschi. Da Mamma Carla per assaggiare il polpo fritto, alla Rocchetta per un pranzo o una cena con vista oppure alla Taverna dei Boncompagni per stare in allegria.

Il Museo Sensoriale e Multimediale del Vino

A Donoratico presso il casone Ugolino c’è il Museo Sensoriale e Multimediale del Vino di Bolgheri e della Costa Toscana. Il percorso storico è accompagnato ed illustrato da sei lezioni tenute dal Prof. Attilio Scienza insieme ai maggiori produttori della zona che raccontano il nostro territorio. Al termine della visita potete scegliere di degustare ed acquistare i migliori vini della zona.

È bello camminare... oppure correre!

A piedi nella Costa degli Etruschi

Se hai voglia di rilassare la mente con una breve passeggiata puoi arrivare fino al «Marinaio» per respirare un po’ di salmastro. Per un percorso un po’ più impegnativo puoi salire andare a Rimigliano oppure salire verso San Carlo e raggiungere i magnifici panorami che si vedono dall’alto! Per i più atletici, subito dopo il «Relais Poggio ai Santi» c’è l’ingresso al percorso «Il Corbezzolo» per una passeggiata nel bosco tra natura e benessere! Per gli appassionati, non perdetevi la via dei Cavalleggeri che da Baratti costeggia tutto il promontorio fino a Cala Moresca a Piombino.